Risorse

Divertiti a cercare tra le risorse gratuite selezionate per i bambini.Continua...

Lavagne per disegnare

Tante risorse freeby per disegnare e sperimentare.Continua...

Tutorial grafica

Tanti piccoli tutorial semplici sulla grafica pensati per i bimbi Continua...

Fiabe

Fai conoscere al tuo bambino le fiabe classiche ed entra nel magico mondo in punta di piedi. Continua...

lunedì 14 aprile 2014

Leggende Musicali – Le Provocazioni di Wakeman di Marco Lazzara

Il mese scorso abbiamo parlato di un celebre assolo al sintetizzatore. Se ricordate, vi avevo detto che i fan del progressive si dividevano su chi fosse il miglior tastierista in assoluto, se Keith Emerson degli ELP o Rick Wakeman degli Yes. Quest’oggi parliamo proprio di lui. Ecco un suo breve assolo al mini-moog (anche questo probabilmente improvvisato) nella versione live di Würm. Lascio giudicare voi chi dei due ha prodotto l’assolo più bello e il vincitore della sfida come miglior tastierista. 


Come avrete notato dal video, a un certo punto l’atmosfera dei concerti degli Yes aveva assunto un che di mistico. Nel 1972 avevano sfornato il loro capolavoro, Close to the Edge, le cui liriche erano ispirate al “Siddartha” di Herman Hesse e descrivevano il risveglio spirituale del protagonista "vicino al bordo" di un fiume. Tutto questo misticismo aveva profondamente influenzato gli Yes, che avevano cominciato ad avvicinarsi alle filosofie orientali. Il successivo album nacque sotto questa concezione, e fu tra le molte ragioni che portarono Wakeman a disapprovarlo fortemente. Tra l’altro i membri degli Yes erano anche diventati vegetariani e si erano appassionati alla dieta macrobiotica. Tutti tranne Wakeman, che di queste scempiaggini ne aveva a sufficienza. Per cui cominciò a prodursi in una serie di esilaranti provocazioni alla faccia degli altri membri del gruppo, come per esempio mangiare cibo take-away durante i concerti o farsi passare alcolici di nascosto da uno dei tecnici durante i momenti più noiosi dell’esibizione. A un certo punto, durante un concerto, gli altri membri degli Yes, cominciarono ad avvertire uno strano odore, e si accorsero con irritazione che sulle tastiere di Wakeman c’erano diversi contenitori di cibo indiano che mandavano un aroma di curry piuttosto molesto. 
Il famoso curry-on-stage di Wakeman
Ovviamente questi suoi sberleffi causarono delle grosse tensioni, che lo costrinsero a lasciare il gruppo. Non per sempre, però. La storia degli Yes è abbastanza intricata (vi basti pensare che a un certo punto ci furono ben due band Yes, che alla fine si fusero in un unico supergruppo, e che anche il figlio di Wakeman, Oliver, a un certo punto ha fatto parte della formazione).

Qualche possibile ricetta:
Pollo al curry.
Bhaji-di-cipolle
Poppadoms

Articolo scritto da Marco Lazzara.

20 commenti:

Marco Lazzara ha detto...

Pensavo avresti aggiunto anche le ricette che ti avevo linkato!

Ivano Landi ha detto...

Per quanto mi riguarda in questo caso assegno la palma d'oro a Emerson.
E una menzione speciale a Steve Howe.

Marco Lazzara ha detto...

Per me l'assolo più bello è questo di Wakeman. :)

Ivano Landi ha detto...

@ Marco Lazzara
Questo significa che se non si aggiungono altri voti la sfida è finita pari e patta?

Marco Lazzara ha detto...

Mah, in realtà non pensavo di tenere un punteggio... comunque Ximi inizialmente ha votato per Emerson, ma poi sono riuscito a dirottarla su Wakeman, quindi è ancora tutto da vedere!

Blogghidee - Ximi - ha detto...

@Marco,
ahaha sissi l'ho ascoltato anche più volte e come vedi ho aggiunto anche le ricettine di cucina.. dici che ci trasformeremo in food-blogger...
@Ivano... patta a metà!

Ivano Landi ha detto...

@Marco
@Ximi
Fra un pò vi spiazzerò entrambi con una vera leggenda musicale. Tenete d'occhio il mio blog, nei prossimi giorni ;)

tiziana m. ha detto...

Ragazzi , grazie mille sta sera, conosco qualcosa di nuovo, nn fucilatemi però, non conoscevo niente del gruppo ecc.. eh eh.. almeno grazie a voi mi faccio un po di cultura musicale grazie mille, ps ximi , food blogger?! Ti seguirei pure in quel caso ahahah ,

Marco Lazzara ha detto...

Eeh, figurati... non si fucila mica nessuno qui! Il progressive rock è poi un genere per appassionati, gli Yes sono tra i maggiori esponenti, ma a differenza di gruppi di altri generi sono poco conosciuti.
Quanto al food blogger lo lascio a te, Ximi... io è già tanto se sono riuscito a trovare quelle tre ricette (che peraltro non saprei nemmeno fare)!

Blogghidee - Ximi - ha detto...

@Ivano
ora sono curiosa :D
@Marco @Tiziana
ahah come food-blogger non so come potrei metterla..

Ivano Landi ha detto...

@Ximi
Domattina sarà disvelato il mistero ;)

Anna Rosabianca ha detto...

Marco sono sempre interessantissimi i tuoi post musicali complimenti! Parteggio anche io per Wakeman ma non sapevo che fosse così provocatorio. Ho notato che ogni tanto crei un legame tra musica e cucina (e mi riferisco anche ad Atom Hearth Mother ;) ) che risulta davvero un curioso binomio!

Marco Lazzara ha detto...

Grazie! Mi piace partire da un argomento e toccare altri ambiti, cucina compresa. (Ximi! Visto che stiamo virando verso il food blogger?!) :))
E tu Ivano, hai visto? Sta vincendo Wakeman!

Comunque Anna, devi sapere che Wakeman è un personaggio un po' particolare. Considera che il suo album più famoso era un concept sulle sei mogli di Enrico VIII, un tema quantomeno curioso.
Inoltre ha recitato in Lisztomania un film musicale stile Tommy, dove interpretava la parte del dio Thor (!), grazie anche al fatto di essere alto oltre 1.90.
Da giovane gli era anche stata diagnosticata un'artrite reumatoide, il che puoi capire quale tragedia fosse per un musicista, se la malattia avesse iniziato il suo corso (così non è stato però, per fortuna). Lui però non l'ha mai fatto sapere, se non di recente.

Anna Rosabianca ha detto...

Oltre a scrittore e chimico pure cuoco, caspita!
Che personalità Wakeman, è una chiara dimostrazione che non ci sono limiti ai propri sogni.

Marco Lazzara ha detto...

Ma no! Io mi limito a mangiare! Non so cucinare!

Anna Rosabianca ha detto...

Ahahah meglio dilettarsi con beute e bellissimi racconti piuttosto che con curry e cipolle :)

Marco Lazzara ha detto...

Me la cavo di più!
A proposito di beute, l'altro giorno un mio collega che insegna fisica, parlando di un esercizio con contenitori di acqua, la beuta l'ha chiamata "quei bicchieri che si usano in chimica" e io dal fondo dell'aula a dire "sì, solo non me li chiamare bicchieri! Sono beute!" con gli studenti che si sganasciavano dal ridere!

Anna Rosabianca ha detto...

Ahahah stupenda! Non oso immaginare la tua espressione da chimico al sentire ciò! :)

Marco Lazzara ha detto...

Ma no! Ero io il primo a ridere! E poi è un collega molto simpatico, solo che i matematici difettano un po' del linguaggio tecnico. :)

Blogghidee - Ximi - ha detto...

@Marco,
Sissi, ho già capito mi vuoi vedere con grembiulino a cucinare ricette stravaganti e tu mangiartele tutte!!!
@Ivano,
la tua leggenda musicale ti riguardava in prima persona :D bella!
@Anna
benvenuta nella nave volante...

Posta un commento

 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...